“Inganno Globale a Manhattan” e il primo della “Trilogia Degli Inganni” firmata Brenda Mill. Il secondo volume “Inganno fatale a Manhattan” è già attualmente in vendita su Amazon e nei migliori store.

51LZ10dSrLL._SY346_

Sinossi:

Manhattan, 2 Ottobre 2014.

Phoebe Stone è l’ unica figlia di Richard e Samantha, magnati delle omonime industrie di limousine. Tutta la sua vita è scandita dalle ore passate a leggere novelle e studiare col suo migliore amico Daniel Green. Pittore e ritrattista molto famoso grazie all’importanza del nome del padre Don, armatore e capo della Green Yacht & Co. Un mondo di perfette apparenze che nemmeno con la più fervida immaginazione si potrebbero palesare. Tutti a Manhattan si celano dietro blazer sartoriali e abiti griffati. Phoebe, invece, è semplice, incredibilmente e follemente normale, tenera e sognatrice, sino al giorno in cui… Una porta che si apre, che sbatte e fa male. Distrugge l’ anima e il corpo con un’ amara verità: la vita non è così perfetta come si crede. Un vorticoso turbinio di emozioni che la vedrà protagonista di un viaggio tormentato tra la gente che da sempre odiava. L’alleanza con la sua peggior nemica Kendra, che ha passato anni a deriderla insieme alle altre compagne di college. La trasformazione in una bellissima e dannata donna di cui nessuno conosce le conseguenze. Un cambio di look radicale e frequentazioni che la rendono simile alle persone che da sempre odiava per superficialità e ambizione. Una società scandalizzata e una famiglia distrutta alle fondamenta, sino all’ennesima devastante esperienza. Dalla penna di Brenda Mill, il primo volume di una trilogia romance dove niente è come sembra, e dove tutto è un inganno, compreso l’ amore.

Impressioni personali

Personalmente ho trovato la trama di questo romanzo abbastanza interessante, sebbene non proprio innovativa. Essendo uno dei tre libri componenti una trilogia, trovo logica una fine non conclusiva, che invita il lettore a scoprire di più, leggendo, appunto, gli altri due componenti. Essendo la prima opera di questa autrice che leggo, non posso paragonare il suo stile o l’argomento scelto ad altri suoi scritti. Basandomi quindi esclusivamente su Inganno Globale, devo ammettere che i paragrafi scorrono fluidamente, non annoiando con descrizioni particolarmente dettagliate, ma la ridondanza con cui la ricchezza esagerata della protagonista viene rimarcata è troppo presente. La cameriera sudamericana, l’armadio pieno di vestiti firmati, la vastità dell’appartamento in cui abita, servono sicuramente a chiarire lo stato sociale di Phoebe Stone e della sua famiglia, ma sono un cliché riportato troppe volte, che stanca inutilmente e rischia di rendere erratamente antipatico il personaggio chiave. Consigliando infine, umilmente, alla Mill di curare maggiormente l’editing, avendo riscontrato, in realtà pochissimi, errori di battitura di alcuni vocaboli, consiglio tranquillamente la lettura di Inganno Globale, riservandomi io stessa di scoprire cosa accadrà nel prossimo romanzo.

Link per l’acquisto del primo romanzo: http://www.amazon.it/gp/product/B016IT2OJQ?keywords=inganno%20globale&qid=1448546863&ref_=sr_1_1&sr=8-1

Recensione a cura di Paola Bianchi

 

Annunci