Oggi recensirò per voi Affari di cuore a Madrid di  Evelyn Storm la quale ho avuto il piacere di intervistare. Romanzo auto pubblicato e acquistabile su Amazon al costo di 0.99 cent. http://www.amazon.it/Affari-cuore-Madrid-Evelyn-Storm-ebook/dp/B0171YZ3AY/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1456137238&sr=8-1&keywords=affari+di+cuore+a+madrid

51DStXJxUML._SX260_

Sinossi:

L’italiana Sofia Bellini, dopo aver lavorato come segretaria, si ritrova a vestire dei panni che non sono suoi: quelli di una scrittrice di best seller internazionale. Come se indossasse una sorta di maschera che potrebbe rovinarle vita e carriera, Sofia deve portare avanti la sua farsa per conto della vera scrittrice, sua ex insegnante divenuta ormai allergica ai contatti con la gente. La giovane ne assume quindi l’identità pubblica e, da qual momento, impersona la grande Ludovica Milena Degli Innocenti. Tutto sembra procedere per il meglio, fino a quando uno dei libri di Ludovica riceve un’offerta per l’adattamento cinematografico che vedrà Sofia trasferirsi a Madrid anche in veste di sceneggiatrice. Il noto attore spagnolo di Madrid Andrés Ramos viene chiamato sul set per sostenere un nuovo casting: quello per il ruolo di Carlos nel film tratto dal best seller italiano di Ludovica Milena Degli Innocenti. Senza sapere se avrà la parte, Andrés inizia a fare delle ricerche su Internet e si imbatte nelle bellissime foto che ritraggono in realtà Sofia Bellini. Credendo, come tutti, che si chiami Ludovica e che sia la vera scrittrice, il giovane uomo inizia a scriverle via e-mail, perdendo piano piano la testa per lei. Così, quando finalmente i due si incontrano, lui inizierà lentamente un gioco di seduzione per rubarle il cuore. Tra segreti, colpi di scena, rivalità e tentativi amorosi fuori e dentro il set si sussegue una moderna e frizzante storia romantica.

Impressioni personali:

Ludovica Milena Degli Innocenti è una scrittrice di successo, spaventata all’idea di mostrarsi al suo pubblico, la donna stipula un accordo con Sofia la quale si ritroverà a dover leggere scrupolosamente i libri dell’autrice in modo da poter rispondere senza esitazioni alle domande che le verranno poste durante le presentazione alle quali la donna dovrà presenziare.Tutto procede bene fin quando uno dei romanzi della scrittrice viene scelto per realizzare un film. Sofi si troverà quindi a doversi spostare a Madrid, dove a sede il set della pellicola. Ed è allora che per Sofi cominciano i guai soprattutto perché tra lei e l’attore Andreas è nato qualcosa. Lui però crede che lei sia Ludovica Milena Degli Innocenti.Ovviamente questo non è il genere che amo leggere, io e il romanticismo siamo come il Diavolo e l’acqua santa, non ci possiamo sopportare. Detto questo il libro è davvero carino e in alcuni punti l’ho trovato simpatico. Quello che mi è piaciuto molto di queste esperienza letteraria è stata il trovarmi sul set del film, non avevo mai letto qualcosa che mi portasse a vivere in prima persona “il dietro le quinte” e ciò mi ha entusiasmato molto. Lo consiglio a chi ama il genere romantico, ma soprattutto a chi non si è ancora imbattuto in una romanzo che ti proietta direttamente nel backstage di un film.

 

Cinque domande botta e risposta per Evelyn Storm, autrice di Affari di cuore a Madrid, acquistabile su Amazon al costo di 0.99 cent.

1) Come mai hai scelto di non pubblicare con il tuo vero nome?

Per privacy. Anche per lasciare fuori la mia famiglia e non farmi riconoscere da alcune persone del passato che mi hanno fatto soffrire. Infine perché, quando scrivo, entro in un mio mondo e a mettere per iscritto tutte le idee che mi vengono in mente è Evelyn Storm, il mio “alter-ego”. Almeno creo un punto di distacco. La moglie e la madre che sono ogni giorno nella vita vera si differenzia dalla scrittrice e dall’artista su Internet.

2) Parlando in termini generali, da dove trai l’ispirazione per i tuoi libri? 3) E nello specifico Come hai avuto l’idea di ambientare “Affari di cuore a Madrid” sul set di un film? L’ispirazione la prendo da ogni cosa: un film, un libro, una canzone, un estraneo che passa, un dialogo che ascolto al bar, un paesaggio. In quanto ad “Affari di cuore a Madrid” c’entra in parte mia madre. Lei era stata in vacanza in Spagna e l’idea dell’ambientazione l’ho trovata così. A quel tempo stavo vedendo “Il principe, un amore impossibile”, film spagnolo con due protagonisti bellissimi e di Madrid. Avevo visto alcuni spezzoni di interviste nel dietro le quinte del film e l’idea è venuta da sé. Al vero attore ho poi fatto “interpretare” l’attore della mia storia, alla vera attrice  una finta scrittrice di best seller.

4) Trai espirazione da persone che conosci per dare vita ai personaggi dei tuoi romanzi o ti lasci guidare dalla fantasia? Entrambe le cose, ma non solo. A volte conosco una persona e mi piace il suo aspetto ma non il suo carattere. Allora me lo invento. Altre volte mi piace un nome ma non l’involucro che lo porta. Altre volte non ho nessuno di preciso in mente e invento un personaggio in base a ciò che mi suggerisce la musica che ascolto. Un altro metodo è quello di prendere le foto di modelli e attori e ideare dal nulla un lui o una lei della storia.

5)C’è invece una tua opera che riscriveresti per poterla approfondire o per poterne cambiare alcuni contenuti? Sì, c’è stata. Il romanzo che ora si chiama “Le note del destino” ai tempi era uscito come “Grido d’amore – Quando il sogno non basta”. Ecco, mi sono resa conto dopo anni che mancava il finale e molte parti erano troppo lunghe. Così ho eliminato il superfluo, inserito nuovi personaggi, modificato alcuni pezzi e creato il finale.

Intervista e recensione a cura di Maria Donata Tranquilli

Annunci